Biancheria da donna color carne, il fascino del nudo

La biancheria da donna color carne: l’intimo fascino del nudo!

Niente roba sconcia, sono madre di famiglia, non scordiamolo! Per me il nudo affascinante è sinonimo di biancheria intima color carne. Ok, vi stanno già venendo la tristezza e lo sconforto… finite di leggere l’articolo, su, che ve li faccio passare!

nude-look

Non ditemi che il color nudo non può essere sexy…

Volete sapere quando viene a me lo sconforto? A me viene quando vedo pezzi di perizoma che escono da jeans tragicamente a vita bassa, reggiseni che occhieggiano da maglie troppo strette oppure variazioni multicolor, del tipo: reggiseno di un colore, canotta di un altro, maglietta (o camicia) di un altro ancora… e non voglio immaginare il colore degli slip!

Eh, lo so che vi suono bacchettona, ma dovete sapere che sono cresciuta con una mamma che vendeva biancheria intima per mestiere, quindi mettersi pezzo sopra e pezzo sotto scoordinati a casa mia, equivaleva a bestemmiare in chiesa.

black-and-pink

La biancheria in seta nera per me è già super così, non serve neanche il pizzo!

Nonostante io sia cresciuta, la tara dell’intimo scoordinato me la sono portata dietro: testimone ne sia il fatto che mia figlia ha solo ed esclusivamente biancheria bianca. Detto per inciso, per le mamme che leggono: la consiglio vivamente a tutte, primo perchè puoi candeggiarla (chi ha provato a smacchiare eventuali residui solidi ne sa qualcosa…) e poi perchè la metti sotto qualunque cosa, tanto non si vede. Così non rischi che nuvolette, gattini oppure Elsa e Anna facciano a pugni con la fantasia della maglietta!

blue-velvet

Il blu è sempre chicchissimo, io lo uso molto

Ora, tornando a noi, esiste un vademecum anche per la biancheria? Non ne ho idea, ma condividerò il mio con voi in questo articolo:

  1. Coordinato: se non si fosse capito, l’intimo deve essere coordinato, o almeno i pezzi si devono parlare tra di loro, canottiera o body inclusi. Io per andare sul sicuro, quando compro un completo mi prendo sempre due o tre capi coordinati del pezzo sotto, così non sbaglio mai. Tanto adesso perfino Intimissimi e Tezenis offrono lo sconto se acquisti più di un pezzo, anche on line.
  2. Intimo: la biancheria intima è appunto intima: non si deve vedere. So che ci sono grandi sostenitori della biancheria a contrasto, ma a me personalmente non è mai piaciuta. Per questo sono una grande fan del color carne, soprattutto d’estate. Non sarà il più bello tra i colori esistenti, ma almeno siete sicure di essere sempre eleganti. Se proprio volete che la biancheria si noti, sceglietela in pizzo, ma sempre tono su tono con il vostro abbigliamento. Che si intuisca solo il disegno e non tutto il resto… io lo trovo molto più sexy!
  3. Pulito: sembrerà banale, ma per me niente denota maggiore sciatteria di una donna con la biancheria trascurata. Quando i miei genitori avevano il negozio, ricordo distintamente ricche mogli di professionisti in vista vestite griffatissime dalla testa ai piedi esibire in camerino body consunti. Gli slip si sono sfilacciati dopo il milionesimo lavaggio? La canotta, dopo un secolo di utilizzo, ha gli aloni sotto le ascelle? Buttatela via, potete trovarne sicuramente una analoga a pochi euro. Lasciamo perdere l’adagio delle madri per cui “…e se ti ricoverano in ospedale???”con relativi scongiuri, ma il concetto è un po’ quello: non sappiamo mai quello che può capitare, quindi facciamoci trovare sempre preparate!
  4. Per noi: scegliamo della biancheria adatta a noi. Io preferisco lasciare gattini e disegnini vari a chi ha meno di trent’anni, anche se a volte alcuni completi spiritosi di Tezenis mi tentano. Poi però penso che non metto gattini e affini nemmeno a mia figlia, quindi decisamente non è il caso che li metta io…

dusty-rose

Ecco qui la mia idea sulla biancheria femminile! Voi che ne pensate? Riuscite a coordinare la vostra biancheria? E del color carne che mi dite, odio o amore? Fatemelo sapere!

 

4 pensieri su “La biancheria da donna color carne: l’intimo fascino del nudo!

  1. stefania ha detto:

    Posso scriverlo? Adoro letteralmente questo post!!!! Perché sembra che lo abbia scritto io che uso solo biancheria nera d’inverno (top lana e seta compresi) e nude in estate, anche se non sempre é facile trovare lo slip in cotone (sono allergica alla microfibra). Coordinato sempre, anche a letto con l’influenza. Rido: la battuta dell’ospedale girava anche a casa dei miei!! Ps mi hai fatto venir voglia dell’intimo blu!!!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...