La prova costume 2017 - i 4 consigli per affrontarla e superarla

La prova costume 2017: i 4 consigli (quelli veri) per affrontarla e superarla!

La temuta prova costume si avvicina anche per l’estate 2017… siamo pronte ad affrontarla e… a superarla? In questo post vi darò dei consigli veri, pratici a prova di donne vere per vedervi un po’ più belle dentro ai temutissimi camerini o peggio ancora, sulle temutissime spiagge!

Premessa dell’articolo: l’idea di scriverlo me l’ha data Alice Pozzoli di The Pozzolis Family, una mamma e donna veramente geniale che, complici il marito e il figlioletto, realizza dei video davvero esilaranti sulla sua condizione di donna, mamma e… mamma incinta per la seconda volta!

Ho visto su Facebook questo suo video e, dopo essermi riavuta dalle risate, ho pensato: vediamo se riesco a farle cambiare idea?

Quindi… ecco qui le mie personali dritte per evitare di dover andare tutte quante in Groenlandia quest’estate!

Prova costume, step 1

Non andate mai, e dico MAI, ad acquistare un costume nuovo con il colorito bianco fantasma dell’inverno. Mettetevi al sole in giardino, sul terrazzo, sul poggiolo, o in giardino, terrazzo o poggiolo di un’amica, ma cercate di avere un minimo di colorito. Vi vedrete immediatamente meglio, gli inestetismi saranno lievemente corretti anche solo per l’effetto ottico che dà un velo di abbronzatura.

Abbronzatevi un po' prima della prova costume! Foto Pinterest

Abbronzatevi un po’ prima della prova costume!

Prova costume, step 2

In valigia mettete degli abiti in cotone o lino morbidi e ampi da indossare in spiaggia. Mi spiego meglio: posto che il pareo è molto scomodo e che ci vuole un manuale d’istruzioni per legarlo (come hai ragione, Alice!), perchè ci dobbiamo complicare inutilmente la vita? Munitevi di un abito stile caftano, ma da portare aperto e scollato, una cosa glamour, non tipo “versione saio da spiaggia”. Sceglietelo in tessuto garzato, così non solo vi ripara dal sole, ma è anche fresco. Indossatelo per andare e tornare dalla spiaggia, portare vostro figlio a prendere il gelato al chioschetto, alla sera quando l’aria diventa più fredda. Comodo, pratico e veramente per tutte!

Caftano copri costume3

Foto Pinterest

Caftano copri costume2

Foto Pinterest

Caftano copri costume

Foto Pinterest da Amalthee.fr

Prova costume, step 3

Acquistate il pezzo sopra e il pezzo sotto del bikini in due taglie diverse, a seconda di quello che vi sta meglio. Sul mercato oramai il bikini spaiato si trova ovunque. Tanto per dire, l’anno scorso io ne ho comprato uno alla Coop veramente grazioso, scegliendo in autonomia le taglie, ovviamente spaiate, di slip e reggiseno, ma non solo: praticamente il bikini me lo sono creato da sola, scegliendo tra i vari modelli di slip e reggiseno quelli che mi stavano meglio (vita alta o bassa, più o meno sgambato, con o senza ferretto, a triangolo o con la coppa imbottita etc.).

Un consiglio sulla taglia: scegliete lo slip di una taglia in più rispetto alla vostra. Non segnerà, non farà “le cicce” su fianchi e sedere e vi darà meno fastidio 😉 Quanto al reggiseno, lo sapete che la diva Marilyn Monroe usava reggiseni (e anche abiti) di una taglia in meno rispetto alla sua? Non solo perchè andava di moda, ma anche perchè esteticamente dà l’impressione di essere più floride!

Marilyn Monroe in costume da bagno

Marilyn Monroe in costume da bagno – fonte Pinterest

Atra dritta: se avete le smagliature sulla pancia, provate con lo slip a vita alta. E’ tornato alla grande e in più ha anche il vantaggio di contenere un po’ la pancia morbida dopo parto (e non!). Giusto perchè si sappia, io non ho smagliature sulla pancia (credo di essermi data tanta di quella Rilastil quando ero incinta da riempire un container), ma su fianchi e cosce sono piena… soluzione? Me ne frego!

Detta da donna a donne, purtroppo ho le gambe rovinate dai capillari, un po’ per predisposizione, un po’ per via della gravidanza. Forse più avanti farò dei trattamenti, ma al momento me li tengo e, ripeto, me ne frego! Mica posso farmi rovinare l’estate dalle vene, no???

Costume a vita alta

Costume a vita alta – foto Pinterest

Prova costume, step 4

Chi ha detto che per sentirsi a proprio agio bisogna essere per forza perfette come le modelle sui giornali? Su, siamo obiettive e oneste: in spiaggia quante donne, ma anche ragazze, vedete con fisici scultorei? Sinceramente, io ne ho sempre viste gran poche. Chi ha le smagliature, chi ha la cellulite, chi ha le braccia poco toniche, chi la pancetta post gravidanza o la pancetta, punto. Cominciamo a fregarcene un po’!

Forse non saremo perfette come le modelle di Victoria’s Secret, ma siamo sicuramente meglio di tante altre donne meno in forma di noi 😉 Per risollevare l’autostima, pensate questo: cinquant’anni fa, le donne belle erano quelle burrose, morbide, proprio come la sopraccitata Marilyn. Pensate a lei, Jane Russel, Elizabeth Taylor, Sophia Loren: nessuna di loro era un’acciuga! Braccia morbide, cosce abbondanti, pancetta. Dove sta la differenza? Nel fatto che loro si sentivano belle! Che ne dite? La piantiamo con le fisime inutili e cominciamo a sentirci un po’ più belle anche noi?

Marilyn Monroe in costume da bagno2

Marilyn Monroe, con la sua pancetta… alzi la mano chi non la trova comunque bellissima! Fonte Pinterest

Sophia Loren in costume da bagno

Sophia Loren e le sue gambe morbide – fonte Pinterest

Jane Russel in costume da bagno

Jane Russel e il seno florido – Fonte Pinterest

Liz Taylor in costume da bagno

Liz Taylor e i fianchi morbidi – fonte Pinterest

8 pensieri su “La prova costume 2017: i 4 consigli (quelli veri) per affrontarla e superarla!

  1. stefania ha detto:

    Hai ragione… devo imparare ad accettarmi e volermi bene difettucci fisici compresi (cellulite, tessuti poco tonici ecc.) Anche se è difficile con tutti i modelli di perfezione che ci vengono presentati anche x sponsorizzare un detergente per il bagno!! Comunque la prova costume incombe e devo assolutamente perdere almeno un paio di chili.. grazie per i consigli!!!!

    Mi piace

  2. Stefania ha detto:

    Confermo che provare un costume alla luce terribile dei camerini dotati di specchi, posso dirlo, che restituiscono un’immagine di me coi difetti tutti in evidenza e amplificati, e senza aver preso un’ora di sole, è quanto di peggio possa succedere alla mia autostima!! Mai più!! Brava Angela, sempre utili i tuoi post!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...