Dress code da spiaggia: i miei sì e i miei no!

Qualche giorno fa Andrea ed io ci siamo dedicati poche ore di mare tutte per noi: relax, spiaggia, sole… e ovviamente io pensavo ad Amelia all’asilo! Cuore di mamma a parte, ho approfittato della mia prima mattinata di mare per darmi un’occhiata in giro ed identificare qualche look sì e qualche look decisamente no. Fatta la vostra borsa da spiaggia, siete pronti per la mia carrellata? Ecco qui i miei top e i miei flop da spiaggia!

Dress code da spiaggia: top #1

Il caftano bianco in  lino: chicchissimo. Mi piace l’idea di un tessuto naturale morbido, che non segna e sta bene veramente a tutte. Fateci caso: se avete un abito comodo, dovunque voi siate (e in spiaggia questo vale dieci volte tanto), vi sentite più a vostro agio. E se vi sentite a vostro agio, state meglio. E chi si sente bene con se stesso è immediatamente più easy chic!

caftano

Il caftano bianco in lino – Fonte Pinterest

Dress code da spiaggia: top #2

Le infradito a terra: semplici, comode e per tutte (o quasi, escludo solo chi soffre di mal di schiena). Io uso le Havaianas da sempre e le metto già quando parto di casa, se non devo guidare: per me, infradito = mare! Queste qui sotto sono quelle che ho io e che avete visto nella foto su Instagram.

Dress code da spiaggia: top #3

Il panama sui capelli sciolti: mi piace un sacco! II cappello stile panama, chiaro con la fascia scura, è un must da mare, secondo me. Se avete i capelli lunghi, scioglieteli… lo so che fa caldo, ma fa anche così chic! Giusto il tempo di arrivare in spiaggia: poi li raccogliete di nuovo e via… ma intanto avete fatto la vostra entrée!

panama e abito bianco
Fonte Pinterest

 

Per la cronaca, mi piacciono molto anche quei cappelli a tesa larga, sempre in paglia, con le scritte ricamate o dipinte: con un abitino con le spalle scoperte secondo me stanno benissimo!

Dress code da spiaggia: flop #1

Il topless a passeggio. Ora, io non ho nulla contro il topless… se una sta distesa a prendere il sole! Ma se state sedute a chiacchierare sul lettino con l’amica (magari in topless pure lei), se andate in giro per la spiaggia con i bambini, in bagno, a passeggio sul lungomare o al bar, a meno che non siate a Formentera (o in località affini) per me siete fuori luogo, indipendentemente dalla forma fisica, dalla taglia o dall’età. Portate pazienza, ma io proprio non ce la faccio.

Topless

Ragazze in topless negli anni ’50 – fonte Pinterest

Dress code da spiaggia: flop #2

Le ciabatte con la zeppa: sono il contraltare del mio top #2. Io mi domando: se sei pericolante sulla sabbia perchè stai a 12 cm da terra, come puoi pensare di essere chic? I misteri del cosmo. Tra l’altro, una rischia pure di farsi seriamente male.

sandali zeppa

Fonte Pinterest

Dress code da spiaggia: flop #3

I costumi non adatti al nostro corpo: forse mi prenderò una valanga di insulti per questo paragrafo, ma nel mio blog vorrei essere sincera. Al mare siamo tutti più scoperti, ma non siamo fatti tutti uguali e questo vale per gli uomini e per le donne. Ci sono mille varietà di costumi diversi sul mercato, per tutte le forme, le taglie e le esigenze: scegliete quello più adatto a voi e al vostro fisico! E ricordate che non bisogna denudarsi per forza solo perchè siamo al mare: triangolini striminziti con la quinta di seno, brasiliane dopo una certa età, slip larghi quanto un francobollo… non so a voi, ma a me non convincono proprio.

Two Piece SwimwearLow Waisted Spaghetti Strap Bikini Swimwear

Fonte Pinterest

Ecco qui i miei promossi e bocciati da spiaggia! Che dite? Sono stata troppo cattiva? Aspetto i vostri commenti!

Le scarpe dei sogni versione low cost: riportiamo Cenerentola con i piedi per terra!

Stamattina ho pubblicato un articolo per Dilei.it dedicato alle scarpe dei sogni, cioè quelle che per me sono oggetti del desiderio, assolutamente inarrivabili, sia come prezzo, sia come portabilità: ci vogliono belle gambe, caviglie sottili… insomma, non sono per tutte!

Il mio blog però vuole dare consigli di stile che siano alla portata di tutte, perciò ho selezionato per voi dei modelli che si avvicinano alle scarpe dei sogni, ma che sono decisamente più accessibili… per tutte!

Ecco qui la mia selezione, tre proposte low cost per ogni scarpa da sogno! Ho pescato dai siti di Zalando e Asos, che prevedono resi e spedizioni sempre gratuiti, una gran cosa quando si acquista on line. Sotto ad ogni immagine trovate il link relativo.

Décolleté Christian Louboutin

Una scarpa come questa è assolutamente da avere nella scarpiera, perchè è una delle indispensabili per il look da sera. Sarò onesta: è impossibile trovare in versione low cost una copia esatta di quelle con la mitica suola rossa… bisogna per forza accontentarsi di una più classica décolleté nera in vernice. Il che non vuol dire che deve essere brutta, eh, anzi! Unica cosa a cui dovete stare attente: l’altezza del tacco. Se non avete caviglie sottili, non alzatevi sopra il tacco 8 o 10 a meno che non abbiate un plateau, altrimenti le vostre caviglie risulteranno ancora più grosse per via della postura del piede.

CL

Le mitiche décolleté Christian Louboutin

PROPOSTA 1: Mai più senza by Zalando: queste secondo me sono le più simili e adesso sono scontate anche del 20%, quindi da €99,99 vengono €79,98.

PROPOSTA 2: Steve Madden, modello Wicket: queste vengono €99,99 e sono un po’ più accollate. Sono disponibili anche in vernice nude, molto belle, e in velluto rosa.

PROPOSTA 3: Zign: queste sono le più economiche, da €79,99 adesso hanno il 25% di sconto e vengono €59,99. Sono disponibili anche in vernice rossa, vernice nude e nero scamosciato.

Stringate Church’s

Anche loro sono inimitabili, ma qui riusciamo ad andarci più vicino. Inoltre, anche queste scarpe sono un must per gli outfit da giorno, quindi valutate l’acquisto, se ancora non le avete. Visto che queste costano decisamente meno delle originali, potete anche osare qualche colore: bicolore bianco nero, ad esempio, o in vernice, oppure marrone cognac. Vedete sotto un po’ di proposte.

Church

Le stringate modello Burwood di Church’s

 

PROPOSTA1: Esprit: queste sono le più simili e adesso vengono il 20% in meno, da € 79,98 ora costano € 63,99. 

PROPOSTA 2: Pier One: queste sono disponibili anche in nero e grigio, sempre con la suola a contrasto. Secondo me le più belle sono le cognac e costano €59,99.

PROPOSTA 3: Mint and Berry: queste vengono €69,99 e sono disponibili sia in vernice nera che vinaccia, sempre con la suola a contrasto. Carine, anche in previsione dell’autunno.

Stivali Stuart Weitzman

Ce ne sono di davvero molto simili. Sapete che sono onesta, quindi vi dico le cose come stanno: attenzione però, per poterseli mettere bisogna avere per forza belle gambe lunghe, o quanto meno toniche e un girocoscia sottile. Inoltre, sono stivali belli con minigonne oppure con gonne lunghissime dallo spacco vertiginoso, perciò ragazze, mi spiace, ma qui non si scappa! Per le fortunate che corrispondono alla descrizione, ecco qui qualche proposta low cost!

PROPOSTA 1: Public Desire: questi sono i più simili. Vengono € 54,99, veramente poco per uno stivale così.

PROPOSTA 2: Asos Kao: questi ve li segnalo perchè costano pochissimo: € 25,99 da € 86,99! Hanno il retro chiuso con delle frange che non mi fanno impazzire, ma si possono sempre tagliare via o sostituire con un semplice laccio nero. 

PROPOSTA 3: Asos Kore: questi sono molto pratici perchè hanno una bella zip lunga e non hanno nessun laccio o laccetto, molto puliti e sobri, da indossare con una minigonna o con una gonna lunga dallo spacco profondo. Costo € 87,99.

Una qualunque Jimmy Choo o Manolo Blahnik!

Il genio di questi due creatori è difficilmente replicabile in versione low cost, ma si possono trovare comunque delle opzioni carine e altrettanto scenografiche anche se abbiamo budget più ridotti. Vedete qui qualche idea carina per scarpe che magari metterete poco e per cui non vale la pena sbancarsi.

Manolo blahnik

Una décolleté da sogno Manolo Blahnik

PROPOSTA 1: Dune Tia: queste sono in super sconto: € 52,49 da€ 105,99. Non hanno il tacco alto come quelle di Manolo, ma sono abbastanza facili: immaginatele con un paio di jeans boyfriend e una camicia bianca, oppure con il classico tubino per un’occasione più formale. 

PROPOSTA 2: Cosmoparis Manifika: queste sono simili (per quanto possibile!) a quelle di Manolo, solo che sono scamosciate e sono disponibili in rosa o in verde smeraldo, le verdi secondo me bellissime! Prezzo €159,99, sempre poco rispetto al costo di una Manolo Blahnik.

PROPOSTA 3: River Island: anche queste sono abbastanza simili, ma hanno la punta un po’ più larga e sono in satin. La parte migliore è che costano solo € 54,99! Io le indosserei sdrammatizzandole, con jeans e tshirt bianca infilata dentro lateralmente oppure con un pantalone a sigaretta e una camicia in denim.

Che pensate delle mie scarpe dei sogni? Le mie alternative low cost secondo voi sono valide? Spero di avervi dato qualche consiglio utile… aspetto i vostri commenti!

La mia borsa da spiaggia: cosa ci metto?

E’ in arrivo il primo vero caldo della stagione, le spiagge si affollano, le piscine pure… insomma, siamo tutti pronti per il mare! Superato il trauma della prova costume, cosa mettere nella nostra borsa da spiaggia per essere sicure di avere con noi il necessario per sentirci in ordine tutto il giorno?

Non so voi, ma a me il mare, da sempre, ricarica dall’interno, è un’iniezione di energia. Non prevedo di riuscire ad andarci a brevissimo, quindi, per consolarmi, scrivo questo post così organizzo mentalmente la mia borsa da spiaggia… e magari do qualche dritta utile anche a voi!

Ah, vi raccomando, arrivate fino alla fine del post: c’è una sorpresa deliziosa per voi!

Borsa da spiaggia Pinterest

Fonte Pinterest

Borsa da spiaggia: leggera e capiente

In genere, quando andiamo al mare in giornata, zavorro Andrea di borsa frigo e giochi di Amelia, quindi la borsa da spiaggia me la sorbisco io 😞 Onde per cui, è indispensabile che sia il più leggera possibile. La mia mi è stata regalata qualche anno fa e non l’ho più cambiata: è leggera, ha i manici in corda indistruttibili ed è enorme! Se potessi cambiare qualcosa, credo che la renderei impermeabile, così in spiaggia non si sporcherebbe (o si sporcherebbe meno!).

Borsa da spiaggia.png

La mia borsa da spiaggia

Borsa da spiaggia: l’indispensabile

Suddivido il contenuto in pochette o, in mancanza, in buste Ikea richiudibili e, per riempirla, vado per “ordine di uscita”: in fondo le ultime cose da tirar fuori, sopra quello che deve essere tolto subito. Vediamo un po’ l’ordine, dal fondo in su:

1. Una pochette impermeabile con dentro i costumi di ricambio di tutta la famiglia, uno per me e Andrea, almeno 3 per Amelia, più una fascia bianca da mettere in testa e una canottierina leggera in caso di sole molto forte o di aria fredda. In genere per canotte e fasce scelgo il cotone bianco: anche se si macchia di crema solare, posso candeggiarlo senza problemi. Sempre sul fondo, un asciugamano a nido d’ape con cappuccio per asciugare Amelia dopo bagni e docce.

Costumi da bimba

Costumini e cappellino Petit Bateau

2. Un sacchetto con le infradito di tutti e tre, nel caso non partiamo di casa con le ciabatte ai piedi. Le trovate anche su Amazon ad un prezzaccio, vedete il link sotto alla foto.

 

infradito

Sacchettino Ikea e infradito Havaianas

3. Una trousse con le creme solari: sempre per me e Amelia almeno la protezione 30. Poi uno stick 50 e una protezione 10 o 15, per quando sono più abbronzata.

4. Sopra a tutto, i teli da spiaggia. Sono la prima cosa che appoggio sui lettini prima di mettere qualunque altra cosa, per ragioni di igiene. Li ho comprati alla Coop qualche anno fa e sono di cotone sottile, non di spugna: leggeri, poco voluminosi e indistruttibili! Adesso ho visto che esistono anche su Amazon in un sacco di colori diversi, vedete il link sotto la foto.

Borsa da spiaggia: gli extra molto utili

1. Nella trousse delle creme:

  • un lucidalabbra con protezione SPF 30, così mi sento più bella anche se sono completamente senza trucco.
  • Uno specchietto e una spazzolina per pettinare me e Amelia dopo la doccia.
  • Elastici e forcine, che servono sempre. Io odio i capelli davanti agli occhi, soprattutto in spiaggia.
  • Un pacchetto di fazzoletti di carta e di salviettine umidificate: sempre utili!

Creme solari

2. Una pochettina impermeabile dentro cui metto portafoglio, telefono, occhiali e chiavi e una piccola bustina per mettere le monete: per il gelato, per il giornale etc.. Non posso nemmeno pensare di portarmi la borsa al mare!

Extra utili

3. Un sacchettino in plastica Ikea per mettere dentro i costumi bagnati

Fine della lista 😄 Chi mi conosce avrà pensato: ma come? Non si porta neanche un libro??? Me lo porterei molto volentieri, ma nelle gite al mare di un giorno solo è difficile che io abbia il tempo per leggere un libro, al massimo mi concedo dieci minuti per sfogliare un giornale! Quando invece sono in vacanza, faccio il pieno in biblioteca prima di partire e, mentre Amelia e Andrea fanno la pennichella pomeridiana, io me ne vado in spiaggia a leggere in santa pace!

Non solo borsa da spiaggia: la borsa frigo

Su Instagram tante di voi hanno accennato anche a che cosa si potrebbe portare con sè nella borsa frigo, oltre alla borsa da spiaggia: ho lasciato la parola a chi è più esperto di me, cioè a Cristina di Good Food Lab, la mia collega Not Only Mama.

Cristina è stata meravigliosa ed ha creato in esclusiva per Con cosa lo metto? due ricette facilissime e a prova di mamme e bambini da portare in spiaggia con noi… Guardate la foto qui sotto: non avete già voglia di mare?

le ricette per la borsa frigo da spiaggia

Ecco le due ricette di Good Food Lab! Sono belle anche solo a vedersi, figuriamoci cosa saranno a mangiarsi!

Da quando ho scoperto il blog di Cristina, non ne seguo praticamente più nessun altro: le sue sono tutte ricette facili e sanissime, a prova di mamme senza tempo e con bambini da tenere d’occhio, realizzate con ingredienti che normalmente abbiamo tutte a casa! La sua torta alle fragole a casa nostra è diventata una droga e il suo burro di mele è l’unica marmellata che mangiamo!

Chi meglio di lei poteva scrivere le ricette da spiaggia? Ecco qui quelle realizzate apposta per la vostra borsa frigo da mare!

LIMONATA ALLO ZENZERO (per mezzo lt di limonata)
– due limoni non trattati
– un pezzetto di radice di zenzero bio
– acqua minerale naturale
– un pizzico di sale marino
– un cucchiaio di sciroppo d’agave (o altro dolcificante naturale)

Spremi i limoni, conservando la buccia (oppure, sempre senza buccia, estrai il succo con una centrifuga o estrattore). Ricava il succo dalla radice di zenzero, puoi spremerla con forza tra due cucchiaini o centrifugarla insieme ai limoni.
Unisci il succo di limone a quello di zenzero, poi aggiungi un pizzico di sale marino e lo sciroppo d’agave, e mescola per far sciogliere il dolcificante.
Con l’aiuto di un imbuto, versa il succo in una bottiglia di vetro a chiusura ermetica. Aggiungi acqua minerale naturale fino a riempire la bottiglia. Conserva in frigo e consuma entro 2 giorni.

Limonata allo zenzero

Limonata allo zenzero

INSALATA IN VASETTO (per un vasetto)
– 50 gr di riso (misto tra thai integrale, ermes rosso e riso selvaggio)
– una zucchina
– 5-6 pomodorini
– una carota
– una carota gialla
– 100 gr di fagioli cannellini lessati
– origano secco
– olio extravergine di oliva
– sale
– un cucchiaio di sciroppo d’acero

– mezzo limone

Lessa il riso per il tempo indicato dalla confezione (circa 30 minuti) in acqua salata. Scolalo e lascialo raffreddare.
Taglia la zucchina a fettine e grigliae su una piastra.
Prepara i pomodorini confit: taglia i pomodorini a metà nel senso della lunghezza, disponili vicini su una teglia coperta di carta da forno, condiscili con sale, olio, origano e un cucchiaio di sciroppo d’agave e cuocili in forno già caldo a 180º per circa 15 minuti. Estrai i pomodorini dal forno e lasciali intiepidire.
Condisci i fagioli cannellini con poco olio, sale, succo di limone e un pizzico di origano secco.
Pulisci le carote e con uno spiralizer o con il pelapatate, crea i nastri di carota.
Condisci il riso con un po’ di olio e sale.
Assembla l’insalata in the jar: disponi a strati prima il riso condito, poi le zucchine grigliate, i fagioli, i pomodorini confit e per ultimo le carote.

Processed with VSCO with a6 preset

Insalata in vasetto

Spero di avervi dato qualche consiglio utile! E voi cosa mettete nella borsa da spiaggia? E in quella frigo? Buon mare a tutte!

 

The White universe: l’envelope bag perfetta!

Ho sempre amato le envelope bag: sono stilose, rendono trendy anche un look da giorno informale e da sera sono semplicemente un must have. Quando mi hanno contattato Giulia e Giorgia di The White Universe, non credevo ai miei occhi: le loro borse erano una più bella dell’altra!

The white Universe envelope bag Valentina

In tutta la loro collezione, che comprende secchielli, shopper e envelope bag di altre dimensioni, io mi sono innamorata del modello Valentina: è bellissima da portare a mano, ma anche super pratica da inserire in una shopper grande durante il giorno per poi sfoggiarla durante l’aperitivo della sera, per chi ha occasioni mondane, oppure, nel mio caso, per tutte quelle volte in cui devo solo portare con me telefono, portafoglio (il mio è gigante) e chiavi. E’ fatta a busta, senza zip o bottoni: si chiude ripiegandosi semplicemente su se stessa. Capiente, facile e comoda!

La mia Valentina-the white universe

La mia Valentina metalizzata

La passione di Giulia e Giorgia per il loro lavoro, l’attenzione e la cura per i dettagli e, detto sinceramente, la bellezza delle loro creazioni, non sono una cosa così comune: ho avuto un negozio, di borse ne ho viste tante e vi posso assicurare che si vede che queste sono fatte con amore.

The White Universe

Le creatrici di The White Universe al lavoro

Se non bastasse, in tutte le loro creazioni impiegano materiali che non provengono da fonti animali, come piume, pelle, seta o pellicce, ma componenti di riciclo e scarto. Le loro borse vengono fatte a mano e con elementi sempre diversi, quindi non ne esistono due di identiche: sono tutte uniche! Insomma, non solo ecofriendly, ma anche ecochic!

E ora veniamo a noi: con cosa indossare la envelope bag? La mia è grigia metallizzata e la metterò con un top nero, jeans e ballerine con il tallone coperto di borchiette. Il metal benissimo però anche su un look total white per un’uscita estiva serale, oppure con t-shirt e sneakers per portare i bambini al parco senza essere zavorrate da una shopper pesantissima. Quelle di The White Universe hanno anche delle tracolline a catena per poterle portare con le mani libere.

look del giorno con valentina

Il mio look di oggi con la mia Valentina!

Ecco oggi il mio consiglio per voi! Che dite? Vi piacciono le envelope bag? Le utilizzate? Aspetto i vostri commenti!