Una delle cose più entusiasmanti del fare ricerca a proposito di sostenibilità è imbattersi in realtà che sono riuscite a vedere delle potenzialità in materie prime che sarebbero state altrimenti scartate, gettate via come rifiuti, quali effettivamente sono. Nel post di stasera vi presento alcuni tessuti innovativi sostenibili, nati proprio dal voler recuperare scarti per farli diventare materia prima nuova. Pronti? Via!

Tessuti innovativi e sostenibili: eccome 5 che forse non conoscete
Fonte foto CasaGIN

Premessa

L’industria tessile è in continua evoluzione. Se c’è una cosa che probabilmente la pandemia di Coronavirus ci ha insegnato è non sprecare, cercare di recuperare qualunque cosa, gettare via il meno possibile. Molte di queste fibre sono state pensate per sostituire perfino la pelle, altre invece sono proprio fibre tessili per l’abbigliamento. Insomma, sono tutte realtà interessantissime che meritano di essere conosciute. Come sempre, attenzione: queste fibre vengono realizzate in modo etico e sostenibile, ma sono solo le materie prime. Verificate anche anche l’azienda che le utilizza per produrre il prodotto finito lo sia altrettanto.

Tessuti innovativi e sostenibili: Apple skin

Avreste mai detto che dalle bucce di mela si può ricavare una fibra simile alla pelle? Ebbene sì: l’azienda di Bolzano Frumat Leather ha trovato il modo di recuperare bucce e torsoli di mela per creare una fibra simile alla pelle. Chi la utilizza? Tra i più famosi utilizzatori di questo materiale c’è il brand di calzature italiano Womsh, etico e sostenibile, che realizza le sue sneakers vegan proprio con questo materiale.

Tessuti innovativi e sostenibili: eccome 5 che forse non conoscete
Photo by Jony Ariadi on Unsplash

Tessuti innovativi e sostenibili: Sorona

Il tessuto Sorona è un filato biosintetico il cui polimero si ricava dal mais invece che dal petrolio dall’azienda italiana Dupont, tra le altre. Il tessuto Sorona è utilizzato da Me organic Couture per la realizzazione di alcuni dei suoi modelli, tra cui l’abito che vedete sotto (sì, quella sono io!).

Tessuti innovativi e sostenibili: eccome 5 che forse non conoscete
Fonte Me Organic Couture

Tessuti innovativi e sostenibili: Orange fiber

Anche qui l’azienda è italiana, per la precisione siciliana: le fondatrici Adriana ed Enrica hanno recuperato gli scarti dell’industria agrumicola per realizzare una fibra tessile che somiglia alla seta, leggerissima e impalpabile. Un altro orgoglio italiano!

Tessuti innovativi e sostenibili: eccome 5 che forse non conoscete
Photo by Jude Beck on Unsplash

Tessuti innovativi e sostenibili: Econyl®

Dell’Econyl® vi ho già parlato quando vi ho presentato i costumi da bagno sostenibili, tra cui quelli di CasaGIN, che ho provato personalmente e ho trovato eccezionale. Pensate che Per ogni 10.000 tonnellate di materia prima necessaria per produrre il filato Econyl®, è possibile risparmiare 70.000 barili di petrolio greggio e 57,100 tonnellate di emissioni di CO2. L’Econyl® infatti viene ricavato da reti da pesca e vecchi tappeti in nylon, che vengono ripolimerizzati per creare una fibra rigenerata che non viene usata solo in ambito tessile. Anche l’occhialeria ha scelto questa fibra: il brand Tommy Hilfiger (uno di quelli che si è recentemente incamminato più a gamba tesa nella sostenibilità ambientale) realizzerà una collezione di occhiali prodotta da Safilo proprio in Econyl®.

Tessuti innovativi e sostenibili: eccome 5 che forse non conoscete
Fonte CasaGIN

Tessuti innovativi e sostenibili: Wineleather

Wineleather è una fibra tessile simile alla pelle, realizzata con gli scarti dell’industria del vino (incredibile, vero?) dall’azienda milanese Vegea, leader nella produzione di biomateriali tessili. Questa fibra è al 100% Made in Italy, e viene ottenuta dalla vinaccia, tramite un processo produttivo che trasforma le fibre e gli oli vegetali presenti nella vinaccia in materiale ecologico con le stesse caratteristiche meccaniche, estetiche e sensoriali della pelle.

Tessuti innovativi e sostenibili: eccome 5 che forse non conoscete
Photo by Sarah Gualtieri on Unsplash

… e per finire…

Dal momento che questo argomento merita di essere approfondito, ho pensato di invitare Daniela di CasaGIN a discuterne insieme a me a e a tutti voi durante un webinar gratuito domenica prossima, il 21 giugno alle ore 21! Per iscrivervi, basta che clicchiate sulla foto sotto o sul link nella didascalia. Se non riuscite a partecipare alla live, non preoccupatevi: se siete iscritti potrete rivedere il replay quando volete!

Tessuti innovativi e sostenibili: eccome 5 che forse non conoscete
Iscriviti al webinar
Ecco qui alcune delle fibre più innovative del mercato tessile ecologico e sostenibile… fa piacere vedere che sono quasi tutte italiane! Le conoscevate? Ne avevate mai sentito parlare?