Dal momento che tra pochi giorni comincerà il Plastic Free July, ho pensato di darvi qualche spunto per eliminare gradualmente la plastica anche dal vostro armadio! Perché, c’è plastica nei nostri vestiti? Eccome! Leggete un po’…

Come eliminare la plastica dall'armadio

Premessa

Nato in Australia, il Plastic Free July è una campagna internazionale volta a sensibilizzare la popolazione per ridurre il consumo di plastica. Tristemente, di plastica nascosta nei nostri armadi ce n’è proprio tanta. Un po’ di questa è indispensabile (alcuni capi devono essere realizzati in polimeri sintetici per essere performanti o semplicemente per rendere bene indossati), ma la maggior parte, se non si è attenti, è ben nascosta e spesso inutile, se non addirittura fastidiosa.

Come eliminare la plastica dall’armadio: leggete le etichette

Lo so, ve l’ho fatto uscire per le orecchie, ma repetita iuvant, si dice no? Prima di acquistare un capo, accertatevi della sua composizione leggendo l’etichetta. Se vedete che al suo interno sono presenti fibre come poliestere, poliammide o acrilico, sappiate che si tratta di derivati del petrolio: un po’ come se vi steste mettendo addosso un sacchetto della spazzatura. Va da sé quindi che è preferibile utilizzare fibre di derivazione naturale: cotone, lino, canapa, seta, bambù, lana e simili, viscose.

Come eliminare la plastica dall'armadio
Fonte haute-stock-photography

Come eliminare la plastica dall’armadio: considerate le fibre di nuova generazione

Come accennavo sopra, ci sono alcuni capi di abbigliamento che realizzati in poliestere o in nylon sono più performanti. Penso ad esempio ai capi tecnici o sportivi e ai costumi da bagno. In questo caso, preferite quelli realizzati fibre riciclate o rigenerate, come l’Econyl o il PET riciclato, in modo da aiutare il più possibile l’economia circolare!

Come eliminare la plastica dall'armadio
Fonte Pinterest da ilovelinen.com.au

Come eliminare la plastica dall’armadio: evitate i misti di derivazione sintetica

Cotone +  poliestere, lana + acrilico: questi mix sono letali! Intendo dire che ad esempio la lana filata con l’acrilico (cosa che viene fatta per rendere il tessuto più soffice) ci fa sudare senza tenerci caldo e, nel peggiore dei casi, puzzare. Quindi le laviamo spesso in lavatrice… e così facendo rilasciamo in acqua microplastiche che vanno a finire in mare, con tutti i danni che ne conseguono. Il cotone filato con il poliestere invece, lavato in lavatrice tenderà a fare peeling. Insomma: se potete preferite fibre pure, o miste ma di derivazione naturale.

Come eliminare la plastica dall'armadio
Fonte Pinterest da color-harmony.livejournal.com

Come eliminare la plastica dall’armadio: occhio alla vegan leather

Pelle vegana: una delle invenzioni del greenwashing! Occhio, perché dietro a questa definizione molto spesso non si nasconde altro che… poliestere! Un conto è se si tratta di poliestere riciclato o di materiale di recupero, ma altrimenti si tratta sempre di plastica! Diverso è il discorso se si tratta invece di tessuti innovativi sostenibili, come l’Apple skin, o il Pinatex o la Wineleather, la cui derivazione è naturale.

Come eliminare la plastica dall'armadio
Fonte Pinterest da emmajhill.com

Come eliminare la plastica dall’armadio: attenzione anche a quello che non si vede

Vi raccomando: leggete bene le etichette anche (e soprattutto!) della biancheria! Calzini che non si usurano nemmeno dopo secoli ma che una volta tolti ci fanno puzzare i piedi probabilmente avranno dei fili di poliestere dentro. Se l’elastico di uno slip o l’orlo di un reggiseno vi prudono, potrebbero non essere stati rivestiti, quindi avete delle fibre plastiche a contatto diretto con la pelle, con tutto quello che può conseguirne: irritazioni, rush e simili. Non parliamo poi della biancheria in tessuto sintetico o misto: in caso soffriate di candidosi o problemi analoghi, cercate di evitarla, perché non permette la traspirazione e favorisce il proliferare dei batteri.

Come eliminare la plastica dall'armadio
Fonte Pinterest da cashmeremilk.tumblr.com

Se vi interessa approfondire l’argomento del Plastic Free July, vi invito a seguire il neonato profilo di Koroo, un magazine (presto) on line, della cui redazione faccio parte anche io, che ha l’obiettivo di trasmettere contenuti utili per una vita più sostenibile e consapevole. Se vi iscrivete alla Newsletter, riceverete subito una checklist da scaricare per eliminare gradualmente la plastica in tanti diversi ambiti della vostra vita!

Ecco qui i miei consigli per un Plastic Free July anche nell’armadio! Voi siete attenti alla plastica nascosta? Leggete le etichette?