Prenota la tua ora di consulenza on line! >> clicca qui

Calze a compressione graduata: come indossarle d’estate

Capo non proprio facilissimo, con il caldo portarle diventa complicato. Sono le calze a compressione graduata: ecco come indossarle d'estate

Oggi do spazio a Doina, che via Instagram mi ha lanciato una sfida, chiedendomi di aiutarla a trovare outfit estivi che le consentano di portare calze a compressione graduata. Ho pensato che potesse essere un argomento utile anche ad altre tra voi e perciò ecco un post su come indossarle d'estate!

Calze a compressione graduata: come indossarle d'estate

Premessa

Le calze a compressione graduata sono dei particolari tipi di calze elastiche che, come leggo dal sito di My Personal Trainer, "vengono impiegate in caso di vene varicose o a scopo preventivo, come nel caso in cui si voglia prevenire la formazione di trombi, ad esempio, nei pazienti allettati dopo un intervento chirurgico. Perché svolgano al meglio la propria azione terapeutica, è buona cosa indossarle al mattino prima di alzarsi dal letto e prima che le gambe comincino a gonfiarsi."

Io le ho indossate solo una volta e ho fatto una fatica tale per metterle che ci ho rinunciato! Soffro di vene fragili e, quando sono rimasta incinta della mia prima figlia, mi hanno consigliato di portarle. L'ho fatto e credetemi se vi dico che ho sudato sette camicie per potermele infilare, quindi chapeau a tutte coloro che le portano quotidianamente. Qual è il problema principale dal punto di vista estetico di queste calze? Come mi dice Doina,

"sono a tutta lunghezza , quindi con punta e talloncino e per di più sono anche belle pesanti. La difficoltà nel colore c’è perché bianche fa effetto ospedale, il color carne purtroppo essendo così pesanti non è certo come una calza velata e il nero è un problema sia sotto un pantalone per via del caldo sia sotto un sandalo (o qualsiasi altra scarpa aperta)."

Come fare ?

Calze a compressione graduata: come indossarle d'estate
Fonte Pinterest

Calze a compressione graduata, come indossarle d'estate: il colore

Allora: sapete che io e il color carne non andiamo molto d'accordo, ma d'estate credo che sia l'unica opzione percorribile, perché è il colore che si vede meno degli altri. Il problema ulteriore di queste calze è che hanno la tendenza ad essere anche leggermente luccichine e perlescenti, quindi portarle in figura risulta davvero difficile. Dato per assodato che tra le opzioni colore vi suggerisco il neutro, vediamo come metterle.

Calze a compressione graduata, come indossarle d'estate: come abbinarle

Avete due possibilità: o abbracciate la politica del chissenefrega e ve le mettete a vista anche con gonne corte, oppure le indossate coprendole. Come fare? Dal momento che queste calze sono delle vere e proprie guaine e che già fanno caldo di loro, è essenziale che qualunque altra cosa voi vi mettiate addosso sia il più fresca e naturale possibile. Evitate quindi altri tessuti sintetici e capi aderenti. Optate per pantaloni palazzo in viscosa o lino oppure jersey, garza o mussola di cotone, che avranno una caduta ampia, in modo che quasi non tocchino le gambe. Stesso dicasi per gli abiti: preferite abiti lunghi (se portarli stretti in vita o no dipende dal fatto che il punto vita sia o meno un vostro punto di forza) e gonne lunghe, ma leggerissime e fluide, morbide quasi come le non le aveste addosso.

Calze a compressione graduata: come indossarle d'estate
Fonte Pinterest
Calze a compressione graduata: come indossarle d'estate
Fonte Pinterest

Calze a compressione graduata, come indossarle d'estate: le calzature

Le calze coprono tutto il piede e portarle con i sandali con le dita scoperte non è il massimo. Non potete nemmeno martirizzarvi però: optate per scarpe tipo loafer, ciabattine per capirsi, oppure espadrillas o minorchine, tutte calzature con le dita del piede coperte. Il tallone velato esteticamente è più gradevole rispetto alle dita. Potete anche scegliere modelli intrecciati, e giocare quindi con l'effetto vedo non vedo, in modo che appunto la calza non sia totalmente visibile. Queste calzature, abbinate a pantaloni, gonne o abiti dalla linea fluida, funzioneranno e il piede sarà quasi interamente scoperto.

Calze a compressione graduata: come indossarle d'estate
Fonte Pinterest
Calze a compressione graduata: come indossarle d'estate
Fonte Pinterest

Per finire, non dimenticate di equilibrare la figura

Se vi siete coperte fino ai piedi, visto che siamo in estate, scoprite qualcos'altro: braccia o décolleté (sempre con gusto e senza strafare) oppure, se l'addome è il vostro punto di forza, anche la pancia. Un pantalone palazzo a vita alta e un crop top si sposano alla perfezione. In sostanza, spostate l'attenzione da un'altra parte, sempre cercando di far respirare la figura.

Calze a compressione graduata: come indossarle d'estate
Fonte Pinterest
Ecco qui i miei consigli per voi. Spero di averci azzeccato e di aver suggerito soluzioni praticabili! Se avete commenti, sono benvenuti!

vuoi imparare a vestirti con stile e in modo facile?

“Da zero a chic” è quello che fa per te!

8 Comments on Calze a compressione graduata: come indossarle d’estate

  1. Carissima Angela
    ora i ‘santoni’ delle vene me ne diranno di ogni ma, se non abiti in alta montagna, portare queste calze in estate, se non hai problemi seri, subito operazioni ect. ect. crea un riscaldamento tale che su di me è dannoso
    Quindi preferisco fare delle regolari docce fresche, proteggermi con gli integratori ect.
    Quando voli in aereo per più di un’ora e mezza ecco che mi fanno molto bene le ‘odiate’ anche in estate
    Nella stagione ‘da calza’ ahimè porto solo quelle e 140, non scherzo! Però ricordo che quando iniziai, tanti anni fa, mi ritornarono anche le caviglie sottili
    Sono stata sempre controllata da un angiologo perché mia madre insistette moltissimo affinché iniziassi il ‘percorso’ e la ringrazio
    ❤️

  2. Cara Angela, soffro di problemi di circolazione e dovrei indossarle sempre ste antipatiche e antiestetiche calze, e così ho scoperto che esistono le calze a compressione graduata senza punta, io le uso così, ma autoreggenti, xkè anche il corpino è fastidioso in estate… in questo modo le sopporto meglio.
    Grazie però per i consigli, era la prima volta che leggevo un articolo che trattava questo argomento, mi hai fatta felice.
    Silvia

  3. Cara Angela, ti ringrazio tantissimo anch’io per questo articolo, è vero che è un argomento di cui non si sente parlare praticamente mai…

    Anche io devo portare sempre una calza a compressione graduata nella gamba sinistra. Dopo i primi anni di sconforto totale, adesso mi sono data pace e mi sono messa alla ricerca di soluzioni accettabili esteticamente.

    Adesso per l’estate mi sono assestata sulla calza autoreggente senza punta, così posso usare anche molti tipi di sandali e non ho il corpino a farmi caldo e a darmi fastidio con l’elastico…

    In più ho scoperto che ci sono alcune aziende che fanno molta ricerca sia sui materiali sia sui colori, quindi anche l’odiato color carne in realtà si può mimetizzare abbinandolo perfettamente alla tonalità della pelle (e delle dita che rimangono scoperte!).
    E ci sono anche colorate, con oltre una decina di tonalità pastello o brillanti che sono molto utilizzabili specie quando iniziano a calare un po’ le temperature…

  4. faccio parte anch’io della confraternita delle calze compressive malgrado sia giovane e senza figli…mi sento meno sola ora! per fortuna il mio angiologo ha avuto misericordia e mi ha prescritto di indossarle solo finché fa abbastanza freddo da sopportarle. sono davvero molto calde e d’inverno fa piacere portarle, ma appena i tessuti si fanno più leggeri diventano un intralcio non indifferente! e niente, invio un abbraccio solidale a tutte voi sorelle portatrici di vene variamente ectasiche e varicose ❤

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

foto angela

"L'ALTRA" FASHION BLOGGER

Ciao! Sono Angela: non sono una fashion blogger, ma una ragazza, una donna, una mamma… sono come te!

SEGUIMI SU INSTAGRAM

 

SEGUIMI SU FACEBOOK