Quando si parla di sostenibilità a molte mamme viene in mente una cosa sola: il futuro dei propri bambini. Alla fine se noi mamme vogliamo fare qualcosa di buono per questo pianeta, è per lasciarlo ai nostri figli migliore di come lo abbiamo ricevuto noi. Solo che, quando si parla di abbigliamento bambini, ci si scontra sempre con gli stessi dubbi: è molto costoso? E’ molto difficile trovarlo? Non necessariamente: in questo post vi spiego perché vale la pena vestire i bambini in modo sostenibile.

Vestire i bambini in modo sostenibile: perché è meglio
Fonte Le Tintine

Premessa

L’argomento bimbi è sempre molto delicato. C’è chi ne ha uno, chi ne ha più di uno, chi vorrebbe tanto averne… quindi le logiche da applicare sono diverse e ogni mamma e papà hanno il pieno diritto di fare le proprie scelte. Sappiamo che mettere al mondo un bambino ha dei “costi vivi”, se vogliamo chiamarli così, quindi lungi da me l’idea, con questo post, di dirvi come dovete spendere il vostro denaro. Ogni famiglia ha il proprio universo e la propria realtà e non mi sognerei mai di metterci il becco. In questo post voglio solo darvi qualche consiglio e portare alla vostra attenzione cose che molto spesso diamo per scontate oppure che non consideriamo affatto, senza retorica né tentativi di convincimento di alcun tipo.

Vestire i bambini in modo sostenibile: perché è meglio
Photo by Jessica Rockowitz on Unsplash

Perché è meglio vestire i bambini in modo sostenibile: non costa tanto come si crede

Partiamo dal presupposto che il vestito più sostenibile è quello che non si compra, o meglio ancora, che non si produce proprio, proprio per via dell’enorme impatto ambientale che ha la produzione dei capi di abbigliamento. Per i bambini, questo principio che ho imparato ad applicare anche agli adulti, vale ancora di più. Ragionateci: quanto spesso indossano un vestitino, un body, un paio di scarpette i bambini nel loro primo anno di vita? E quanti ne possiedono? Io ho fatto caso che la quantità di vestiti che avevano le mie figlie era inversamente proporzionale alla loro età. Quando erano neonate, tra regali e acquisti, avevano tanta di quella roba che avrebbero potuto andare avanti una vita… peccato che era tutto in taglia dagli 0 ai 9 mesi. Durata? Sei mesi al massimo. Tante cose le ho date ad Armadio Verde con il cartellino ancora attaccato.

Vestire i bambini in modo sostenibile: perché è meglio
Photo by Nynne Schrøder on Unsplash

Prestiti

Prima di acquistare capi nuovi per i vostri figli, sia che già li abbiate, sia che siate in dolce attesa, verificate se prima c’è qualcuno che ve li può prestare, soprattutto per quanto riguarda i capi che io chiamo “da combattimento”: body, pagliaccetti e tutine da mettere nei primissimi mesi, che si sporcheranno di latte e saranno costantemente in lavatrice. Sono la prima a dire che qualche cosina nuova ci sta (io per prima ho voluto che la prima tutina di entrambe le mie figlie fosse nuova: l’ho poi messa da parte in caso di nipoti!), ma fate lo sforzo di fare una lista esatta prima di uscire di casa con quello che vi serve, in modo da non partire per la tangente quando entrate nei negozi (lo so, ci sono passata: resistere alla tentazione è DURISSIMA).

Agli amici e parenti che vogliono farvi qualche regalo utile, ricordate che esistono tante altre cose che servono alla mamma e al neonato: se la mamma non allatta, il latte in polvere è sempre ben accetto, insieme ai pannolini (se non avete optato per quelli lavabili). Esistono negozi che emettono tessere regalo con cui i genitori acquistano quello che realmente serve, accessori inclusi (anche qui, verificate sempre se c’è qualcuno che vi può prestare vaschette, seggioloni, marsupi, sacchi nanna, giostrine per il lettino, paracolpi, fasce e simili: li usate per poco e ingombrano un sacco!).

Vestire i bambini in modo sostenibile: perché è meglio
Photo by Uby Yanes on Unsplash

Second hand

Un’altra opzione utilissima e super sostenibile che ho imparato ad apprezzare per le mie figlie. Specialmente per i capi che si indossano poco, come tute da sci, giacconi imbottiti, costumini da bagno nelle taglie primi mesi, provate a vedere cosa trovate nel second hand. A parte Armadio Verde, ci sono altre app come Subito.it o Shpock in cui si possono vendere e comprare cose di questo tipo che normalmente sono state usate pochissimo e sono quasi nuove. Prima di andare in negozio a comprare qualcosa di nuovo, fateci un giro.

Vestire i bambini in modo sostenibile: perché è meglio
Photo by Brytny.com on Unsplash

Perché è meglio vestire i bambini in modo sostenibile: la qualità paga

Se avete ridotto all’osso le cose che dovete effettivamente acquistare, potete forse permettervi di spendere qualcosina di più per poche cose che sono destinate a durare, o che avete intenzione di passare da un figlio all’altro, ad esempio. Io ho ho due femmine, quindi l’intero guardaroba di Amelia passerà ad Anita. Adesso che Amelia ha 7 anni (fin dall’anno scorso, ad essere sincera, quando ho scoperto che avrei avuto un’altra femmina…), preferisco prenderle meno capi ma ben fatti, che poi indosserà la sorella, senza il rischio di cuciture che saltano, buchi perché il tessuto è liso dopo 3 lavaggi, pallini e altre amenità.

Un discorso analogo si può fare anche con l’abbigliamento bimbo/bimba: quando Amelia era piccola, le ho sempre preso scarpette unisex (quelle dei primi anni, che ha usato pochissimo perché il piede cresceva a velocità supersonica). Se avessi avuto un maschio, sarebbero andate bene lo stesso e avrei ammortizzato la spesa. Ora le sta usando Anita e sono pressoché nuove.

Vestire i bambini in modo sostenibile: perché è meglio
Fonte Le Tintine

Perché è meglio vestire i bambini in modo sostenibile: sapete quello che mettete loro addosso

I capi realizzati in modo sostenibile ed etico non vengono colorati con coloranti tossici e altri agenti fortemente inquinanti non solo per il pianeta, ma anche per noi e figuriamoci per i nostri bimbi! Vi rimando a questo articolo di Repubblica dove potete leggere qualcosa in più. Anche vari servizi di Report ne hanno parlato… insomma, la cosa finalmente si sta mostrando all’attenzione del grande pubblico. Vi dico solo che ci sono capi importati da altri paesi che contengono nichel, piombo e altri metalli, ma in quantità enormi, soprattutto nelle stampe a rilievo che io chiamo “plasticozze”. State attenti alle fibre, cercatele sempre il più possibile naturali e preferibilmente 100% made in Italy

Vestire i bambini in modo sostenibile: perché è meglio
Photo by Charles 🇵🇭 on Unsplash

Perché è meglio vestire i bambini in modo sostenibile: on line c’è un mondo di scelta

Perché fermarsi sempre ai soliti tre, quattro negozi che hanno sempre le stesse cose? On line c’è un mondo di scelta di capi confezionati in modo etico e sostenibile. Se si parte dal presupposto che si acquista meno e meglio, le possibilità sono tantissime. A questo proposito, nelle mie stories in evidenza di Instagram trovate salvati tanti brand sostenibili, alcuni dei quali sono anche in questo articolo dedicato anche all’abbigliamento sostenibile da bambino.

ATTENZIONE: sostenibile non vuol dire anche etico e viceversa. Se un capo rispetta l’ambiente, può non rispettare i lavoratori che lo hanno realizzato. Quindi fate attenzione alle certificazioni! La GOTS è l’unica (a quello che so) che attesta che un capo sia stato realizzato in modo sia etico che sostenibile. 

Bene… cosa ne pensate? Se ci sono mamme all’ascolto, come vi regolate per l’acquisto dei capi dei vostri bimbi?