Per essere chic basta poco: un dettaglio, un elemento in grado di cambiare completamente un look. Oggi rispondo a Laura che mi chiede: “Mi piacerebbe tanto un post in cui suggerisci un piccolo dettaglio per esaltare la femminilità, un solo particolare da evidenziare volta per volta e a seconda delle circostanze”. Ecco qui cinque idee che possono andare bene sia per le mie amate “anta “girls”, sia per chi non ha ancora passato la boa degli anta, complete di immagini esplicative.

Consulenza di immagine
Fonte Pinterest

Un dettaglio che rende chic: premessa

Ormai sapere come la penso per quanto riguarda l’eleganza. Essere eleganti non ha niente a che fare con i marchi che si indossano, o con i gioielli, o con il corretto abbinamento di colori. Potreste saperli abbinare alla perfezione, ma non essere i grado di costruire un look elegante. Perché l’eleganza è fatta di piccole cose, di dettagli che sembrano piccoli, ma che rendono unico tutto un look e che sono unici per ogni donna. In questo post vi darò qualche consiglio generale declinato in chiave “anta”, ma sono applicabilissimi anche se ai mitici anta non siete ancora arrivate: la classe non ha età e prima si comincia a fare esercizio meglio è!

Un dettaglio che rende chic: 5 consigli utili
Lyn Slater (sapete che la adoro): qui il focus sono gli orecchini – Fonte Pinterest da 

1. Un dettaglio che rende chic, 5 consigli utili sopra gli anta: sexy con moderazione

Nessuno dice che passati i quarant’anni si debba rinunciare ad essere sexy, anzi. Probabilmente dopo questa età si raggiunge un livello di consapevolezza, anche del proprio corpo, per cui si sa su cosa puntare. L’essere sexy per me ha più a che fare con il sentirsi tali, che non con l’esibirlo. Quindi ad esempio, la biancheria in pizzo è super sexy… se portata in modo che non si veda o che si intraveda appena. Va da sè che anche il color nude in questo modo può diventare super sexy, perfino più di un nero, in certi contesti.

Un dettaglio che rende chic: 5 consigli utili
Qui la biancheria è solo immaginabile: per me è una delle cose che rendono più sexy una donna, in assoluto – Emmanuelle Alt – Fonte Pinterest da

2. Un dettaglio che rende chic, 5 consigli utili sopra gli anta: colore a piccole dosi

E’ una cosa che ho sempre sostenuto: il colore è bellissimo… se dosato. Un look total black o total white con un particolare rosso, rosa, giallo o del colore che preferite può essere molto chic. Viceversa, un abitino colorato smorzato da accessori basic sarà elegantissimo. Stesso discorso vale per le fantasie: tutto a piccole dosi.

Un dettaglio che rende chic: 5 consigli utili
In questo look bastano le scarpe a dare tono – Fonte Pinterest da 
Un dettaglio che rende chic: 5 consigli utili
Giovanna Battaglia Engelbert: un look meraviglioso, con un solo capo in fantasia – Fonte Pinterest da 

3. Un dettaglio che rende chic, 5 consigli utili sopra gli anta: pelle a vista? Sì, ma ne basta poca

Questo è un concetto che va di pari passo con il punto 1. Non serve scosciarsi o scollarsi e nemmeno all’estremo opposto vestirsi in modo monacale. Se ci fate caso, una blusa o un top che lasciano scoperta la linea delle spalle è molto più elegante (e sexy) di una scollatura abissale che fa vedere pure le tonsille, lasciando pochissimo spazio all’immaginazione. Una bella caviglia lasciata scoperta da un pantalone a sigaretta sarà molto più chic di un pantalone a vita bassa indossato con un crop top. Pensate ai capelli raccolti in uno che mostra il collo, o ad un paio di bottoni della camicia lasciati aperti. Tutti dettagli che lasciano intuire, senza mostrare.

Un dettaglio che rende chic: 5 consigli utili
Emmanuelle Alt – Fonte Pinterest da 

4. Un dettaglio che rende chic, 5 consigli utili sopra gli anta: indossate almeno un capo strutturato

In un look sportivo, ad esempio con dei jeans, preferite una camicia al posto di una t-shirt. In un look casual, preferite un pantalone al posto di un leggins (che, per inciso, per me rappresenta più o meno l’anticristo. Lo salvo solo in gravidanza, nel delicato periodo del post partum – le neomamme devono stare comode, è la priorità uno – in palestra e in casa. Nel senso, dentro alle quattro mura domestiche. STOP). Al cardigan, preferite un blazer morbido. L’effetto più sofisticato sarà immediato.

pantaloni palazzo
Un pantalone strutturato, come il palazzo, può essere portato anche con una semplice blusa – Fonte Pinterest
camicia bianca
Una camicia bianca costruisce un look molto più di una t-shirt – Fonte Pinterest

5. Un dettaglio che rende chic, 5 consigli utili sopra gli anta: attenzione ai materiali

Chi mi segue da un po’ lo sa. Anche prima del mio impegno verso la sostenibilità, sono sempre stata fissata con i tessuti e i materiali. Un certo tipo di tessuto può cambiare completamente un look. Pensate ad una blusa di seta con un paio di jeans: l’effetto rispetto ad una blusa in maglina è completamente diverso. Per alcuni capi (pantaloni palazzo, abiti con determinate cadute) non demonizzate il poliestere. Attenzione però: deve essere di ottima qualità che è quello che il più delle volte si lava a secco e non si trova nel fast fashion. Per questo, vale una regola sempre valida: meglio avere meno nel guardaroba, ma di qualità. Non vi stancherà mai.

E comunque…

Ricordatevi una cosa. Oltre allo stile, c’è l’attitudine, il carattere il mood: è quello il vostro dettaglio più chic. 

Un dettaglio che rende chic: 5 consigli utili
Guardate Victoria Beckham: a occhio la gonna potrebbe essere di poliestere – Fonte Pinterest da 
camicia seta
Fonte Pinterest
Ecco qui i mie 5 consigli per essere chic sia prima che dopo gli “anta”: cosa ne pensate?